Anziano disperso sul monte Cucco: ritrovato dal Soccorso Alpino e Speleologico

Pubblicità

Nel pomeriggio di ieri i familiari di un uomo allontanatosi da casa con il proprio cane, vedendo rincasare solo l’animale si sono allarmati ed hanno richiesto l’intervento del Soccorso Alpino e Speleologico Umbria (SASU) per effettuare le ricerche.

Sono convogliate nella zona del Monte Cucco sette squadre del Soccorso Alpino e Speleologico di Umbria (SASU) e una in supporto dalle Marche, nonché l’elicottero Volpe 351 della Guardia di Finanza, di stanza a Pratica di Mare, con a bordo il personale del soccorso alpino che ha setacciato il territorio.

Dopo quattro ore dall’allertamento, l’uomo – 77 anni – è stato ritrovato in una zona molto impervia all’interno della valle di San Pietro. I sanitari del Soccorso Alpino e Speleologico hanno subito proceduto ad accertare lo stato del paziente che è stato poi caricato sulla speciale barella portantina e portato dai tecnici del soccorso alpino speleologico fino alla Val di Ranco, dove ad attenderlo c’era un’autoambulanza del 118 che lo ha condotto all’ospedale di Branca per accertamenti. Sul posto anche i Carabinieri e Guardia di Finanza.

RECUPERATO DAL SOCCORSO ALPINO E SPELEOLOGICO UMBRIA UOMO DISPERSO SUL MONTE CUCCOPoco dopo le 14:00 di oggi, i familiari di un uomo allontanatosi da casa con il proprio cane, vedendo rincasare solo il cane, si sono allarmati ed hanno richiesto l’intervento del Soccorso Alpino e Speleologico Umbria (SASU) per effettuare le ricerche.Sono convogliate sul posto sette squadre del Soccorso Alpino e Speleologico di Umbria (SASU) ed una in supporto dalla e Marche, nonché l’elicottero Volpe 351 della Guardia di Finanza di stanza a Pratica di Mare con a bordo il personale del soccorso alpino che ha setacciato il territorio.Dopo quattro ore dall’allertamento, l’uomo – 77 anni – è stato ritrovato in una zona molto impervia all’interno della valle di San Pietro, i sanitari del Soccorso Alpino e Speleologico hanno subito proceduto ad accertare lo stato del paziente che è stato poi caricato sulla speciale barella portantina e portato dai tecnici del soccorso alpino speleologico fino alla Val di Ranco, dove ad attenderlo c’era un’autoambulanza del 118. Sul posto anche i Carabinieri e Guardia di Finanza.

Posted by Soccorso Alpino e Speleologico Umbria – CNSAS on Wednesday, 1 July 2020