Nascite a picco, dati demografici drammatici per Gualdo Tadino e Fascia Appenninica

Pubblicità

Con un piccolo ritardo rispetto a quanto previsto, a causa dell’emergenza Covid, l’Istat ha reso noti i dati ufficiali sulla popolazione italiana al 31 dicembre 2019. Vengono sostanzialmente confermati i dati ufficiosi di Gualdo Tadino, ma ora è possibile avere un quadro d’insieme allargato al resto dell’Umbria e alla situazione nazionale.

Continua, e si conferma oramai strutturale, il calo della popolazione; a livello nazionale si registra un -114.907 residenti, in Umbria il calo è di 1.730, andamento confermato in maniera più accentuata in tutti i comuni della fascia. Anche quest’anno c’è un comune in controtendenza, si tratta di Fossato di Vico che registra un piccolo aumento di 30 residenti. Scesa oramai sotto i 15.000 abitanti Gualdo Tadino, registra un ulteriore calo record di 219 residenti, quasi un -2,0% in un solo anno.

Anche i numeri sui nuovi nati confermano il trend degli ultimi anni: in Italia si registra un ulteriore -19.577 con l’Umbria che, dopo essere scesa per la prima volta lo scorso anno sotto la soglia dei 6.000, perde ulteriori 214 culle. La Fascia appenninica conferma l’andamento disastroso degli ultimi anni con soltanto due eccezioni rispetto al 2018: Nocera Umbra con +21 e Scheggia e Pascelupo con +8. Gli effetti di quello che è un vero e proprio crollo demografico anni hanno già iniziato a farsi sentire sul fronte scolastico, con all’orizzonte la chiusura di interi plessi, ma soprattutto non accenna ad arrestarsi il calo costante che segna ogni anno un peggioramento della situazione.

Due dati in particolare illustrano in maniera significativa l’emergenza demografica.
L’età media a livello nazionale è di 45,2 anni, in Umbria 46,7, abbondantemente superato da tutti i comuni della Fascia appenninica. Impressionante il caso di Costacciaro che, con 50,8 anni di età media della popolazione è uno dei comuni più vecchi d’Italia, e di Gualdo Tadino che aumenta di 0,6 in soli dodici mesi.

L’indice di vecchiaia, cioè il rapporto percentuale tra il numero degli ultrassessantacinquenni ed il numero dei giovani fino ai 14 anni. Mentre a livello nazionale ogni 100 giovani sotto i 14 anni ci sono 178,4 anziani con un’età dai 65 anni in su a Costacciaro questo dato viene addirittura raddoppiato. Indice altissimo ovunque e, anche in questo caso, aumento record di Gualdo Tadino che registra un +19,5.

Dati rilevati da https://www.tuttitalia.it