Week-end di Ferragosto, occasione per scoprire i musei di Gualdo Tadino

Pubblicità

Scoprire o riscoprire? Questo il dilemma! Ferragosto è l’occasione per viaggiare e vedere nuovi luoghi, ma anche per organizzare una gita “dentro porta”, riappropriandosi di spazi di prossimità che spesso ignoriamo.

Ed ecco che a Gualdo Tadino, proprio nel weekend di Ferragosto, è possibile lasciarsi conquistare da un itinerario culturale unico, partendo dal monumento simbolo della città, la Rocca Flea, imponente fortezza restaurata dall’imperatore Federico II di Svevia. Sarà facile innamorarsi delle collezioni: dalla bellezza della tipica ceramica a lustro oro e rubino, con le sue preziose iridescenze, all’unicità dei dipinti tra tardo Gotico e Rinascimento dell’area umbro-marchigiana e delle opere di Matteo da Gualdo, capostipite di una singolare famiglia di notai-pittori.

Ancora un tuffo nel passato più remoto e suggestivo con i reperti archeologici che spaziano dalla Preistoria al Medioevo, per approdare alla scoperta dell’affascinante civiltà degli antichi umbri. Un balzo in avanti riporterà infine gli avventori tra Ottocento e Novecento, sulla scia dell’emigrazione italiana all’estero.

Con un solo biglietto scontato, si può accedere a cinque musei: il Museo Civico Rocca Flea, il Museo Opificio Rubboli, il Museo della Ceramica, il Museo Archeologico Antichi Umbri e il Museo dell’Emigrazione Pietro Conti.

Di grande suggestione, nella Chiesa monumentale di San Francesco, parte integrante del percorso museale, l’opera da guinness dei primati, “L’Ultima crociata. Il perdono”, dell’artista controverso Piergiuseppe Pesce, che questa volta regala alla città un’istallazione dalla forte valenza religiosa, una grande macchina mistica popolata da santi, madonne, beati e martiri in cammino.

“La prenotazione non è obbligatoria – spiega Catia Monacelli, direttore del Polo Museale – quindi i visitatori potranno accedere alle collezioni, sempre nei limiti della capienza prevista per ogni fascia oraria, acquistando il biglietto all’ingresso del museo”.

Per informazioni è possibile contattare lo 075 9142445 – 347 7541791 o visitare il sito www.polomusealegualdotadino.it