Raponi (Lega): “Progressivo depotenziamento della polizia municipale”

Pubblicità

Il consigliere comunale della Lega a Gualdo Tadino, Alessia Raponi, torna sull’argomento polizia municipale. “I problemi legati all’organizzazione e al numero dei vigili urbani di Gualdo Tadino sono sempre maggiori”, evidenzia.

Per la capogruppo leghista il Consorzio di Polizia Locale, che dovrebbe accorpare il servizio in alcuni Comuni della Fascia Appenninica avrà conseguenze negative poichè, sottolinea, rappresenterà un progressivo depotenziamento del Comando gualdese.

“In più – prosegue Raponi – il fatto di essere sotto organico, nonostante il reintegro dei vigili che sono andati in pensione, non agevola di certo il lavoro degli stessi, né aiuta la tutela dei cittadini. Proprio a causa della mancanza di personale, durante tutta l’estate non si è impiegato nemmeno un vigile urbano nel lavoro notturno, nonostante siano anni che chiedo all’Amministrazione di prevedere tale servizio per coadiuvare il lavoro delle altre forze dell’ordine.”

Per Alessia Raponi “si possono creare anche di gravi disservizi proprio come accaduto alcune notti fa. In occasione di un concerto in Piazza Mazzini, l’ambulanza chiamata per soccorrere una persona che aveva avuto un malore in Piazza Martiri della Libertà, volendo accedere dall’ingresso di Corso Italia, è stata bloccata perché il pilone issato all’ingresso della via non si è potuto far scendere in mancanza del servizio dei vigili urbani, unici detentori delle chiavi, cosicché l’ambulanza è stata costretta a fare il giro opposto perdendo minuti preziosi per il soccorso.”

La consigliera leghista giudica negativamente anche “la decisione dell’amministrazione di collocare permanentemente un vigile al controllo del monitor della telecamera posta sul tanto anelato ascensore che da piazza Beato Angelo porta alla “piattaforma”; ascensore che, finalmente, dopo anni di estenuante attesa, sono riusciti a sistemare. Tuttavia, occupare permanentemente un vigile di fronte a un monitor, significa avere meno personale a disposizione per eventuali problematiche più importanti. Se lo scopo è quello di far fronte immediatamente a possibili rotture dell’ascensore, vorrei informare la nostra amministrazione dell’esistenza di allarmi e servizi gratuiti operativi H24.”

“Insomma – conclude Raponi – consorzio di polizia municipale, personale sotto organico e impiegato in maniera errata, fanno sì che a tutt’oggi, tale servizio, invece di essere migliorato e sovradimensionato, subisca una battuta d’arresto nei numeri e nelle scelte di occupazione. Il buonsenso vuole che a tutela dei cittadini e della sicurezza vengano fatte scelte migliorative e non peggiorative come quelle intraprese dall’amministrazione gualdese”.