Sempre più gruppi sul percorso appenninico Gualdo Tadino Trans Bike

Pubblicità

Grazie a un’attività di promozione, alla base dello sviluppo turistico-ambientale, molti gruppi provenienti da diverse regioni italiane sono arrivati sul percorso del GTTB (Gualdo Tadino Trans Bike), che attraversa colline e montagne della fascia dell’Appennino centro-Nord.

“I commenti e impressioni che ci trasmettono al termine del percorso ci riempiono di orgoglio e di fiducia che la strada imboccata sia quella giusta – fanno sapere i promotori – Il lavoro fatto con fatica ma con convinzione sta ottenendo i meritati risultati che ripagano le tante giornate dedicate a questo progetto.”

I ciclisti sono rimasti affascinati dagli ampi panorami che spaziano sulla catena dell’Appennino, dai fitti ed estesi boschi della Valle del Fonno, dalle colline dai piccoli borghi. “Ulteriori impressioni molto positive ci sono state riportate sui borghi attraversati e sull’accoglienza di agriturismi e ristoranti del territorio”.

Nel 2014 il progetto GTTB (Gualdo Tadino Trans Bike) ha ottenuto l’inserimento nel “Master Plan dell’Area Eugubino Gualdese” tra quelli ricadenti nel Comune di Gualdo Tadino. Il progetto è stato riconosciuto atto a valorizzare le risorse naturali ambientali e culturali ai fini di un’attrattiva di sviluppo e di un miglioramento della qualità della vita, oltre che contribuire alla costruzione di poli d’attrazione naturalistica in grado di garantire ricadute economiche diffuse sul territorio.

Il Gruppo Sportivo AVIS di Gualdo Tadino e dallo Ski Club Valsorda “R. Matarazzi” ebbero l’idea di progettare un tour di più giorni con zaino in spalla per colline e montagne della fascia dell’Appennino centro-Nord. Nel percorso vengono attraversati i territori di ben sette comuni a cavallo tra Umbria e Marche: Gualdo Tadino – Nocera Umbra – Assisi – Valfabbrica – Fossato di Vico – Fabriano – Sigillo. Un lungo lavoro progettuale, di indagine sul territorio, di individuazione di un percorso per coniugare il gesto atletico con l’emozione di attraversare ambienti naturali appenninici di grande valore naturalistico.

La rivista del CAI “Montagne 360” di luglio 2019 ha pubblicato un interessante articolo dal titolo “L’Appennino Umbro in Mountain Bike” scritto da Silvano Piazzoli e Mara Loreti, dando un contribuito importante all’arrivo in zona degli appassionati della bici da montagna.

Ulteriori informazioni e conoscenza dell’iniziativa si trovano nei siti internet che riportano il percorso:

sito proprietario: https://www.gttbgualdotadino.it/
lifeintravel: https://www.lifeintravel.it/gualdo-tadino-trans-bike-sull-appennino.html
mtb-mag: https://itinerari.mtb-mag.com/tours/view/20074
wikiloc: https://it.wikiloc.com/percorsi-mountain-bike/gttb-gualdo-tadino-trans-bike-56813558
viewranger: https://my.viewranger.com/route/details/MzM2Nzg5Mg==?ref=

Lo Ski Club Valsorda, ora affiliato Csen–Coni, ha rinnovato le sue finalità che spaziano dall’escursionismo, allo sci, alla bike, alla protezione dell’ambiente. Il club esprime soddisfazione per i risultati ottenuti in questo anno, un ottimo connubio tra sci escursionismo e mountain bike. Piena soddisfazione arriva anche dal presidente del Csen Fabbrizio Paffarini, che ricorda anche il successo avuto con lo sci escursionismo nel passato inverno sulle nevi della Valsorda, terza stazione di sci escursionismo dell’Umbria.