Quattro sindaci all’unisono: “Subito il via al raddoppio della Orte-Falconara”

Un documento comune sul tema del potenziamento della ferrovia Orte-Falconara. E’ quello diramato dai sindaci di Gualdo Tadino, Massimiliano Presciutti, Nocera Umbra, Giovanni Bontempi, Valtopina, Lodovico Baldini, e Fossato di Vico, Monia Ferracchiato.

Nel documento spicca un aspetto che tutti definiscono come il importante: se il modello che il Governo e le Regioni Umbria e Marche hanno intenzione di perseguire è quello che ha portato alla realizzazione in tempi record del ponte di Genova, quindi passare alla nomina di un Commissario per seguire tutto l’iter del raddoppio della tratta ferroviaria, tutti sono d’accordo giudicando la cosa estremamente positiva.

“Però tutto ciò è in evidente e palese contrasto – dicono i quattro Sindaci – con chi sostiene invece la necessità di valutare ancora studi di fattibilità su questa infrastruttura e lo fa nel momento in cui siamo già pronti a partire con una progettualità molto avanzata per il potenziamento ed il raddoppio della Orte-Falconara. In buona sostanza il solo parlare di variante significherebbe perdere altri anni e chiudere per sempre e definitivamente in un cassetto questa importantissima opera strategica che il territorio umbro-marchigiano attende da più di 40 anni”.

“C’è un unico modo per non fare nulla e mettere una pietra tombale su un opera strategica come il raddoppio della Orte-Falconara – concludono i primi cittadini – è quello di continuare a parlare di variante al progetto esistente. Le due Regioni e i loro territori hanno bisogno che si parta subito con il potenziamento della ferrovia esistente. Non c’è più tempo da perdere ed è per questo che invitiamo il Governo a nominare a stretto giro un Commissario e di procedere senza indugio alla realizzazione del progetto che è già pronto”.

Articolo precedenteIl luogotenente Fusi nuovo comandante della Stazione Carabinieri di Sigillo
Articolo successivoCovid: 23 nuovi casi in Umbria, un positivo a Sigillo
Marco Gubbini
Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti dell'Umbria. Ex direttore artistico di Radio Tadino (1985-1986), ideatore e curatore di programmi televisivi giornalistici delle emittenti Rete7 (1985-1990) e TV23 (2003-2006). Esperienze varie come corrispondente di varie pubblicazioni, fra cui Calcio Perugia (2005), La Voce di Perugia (2006-2007). E' stato collaboratore dell’agenzia di stampa Infopress (2004-2012), ha scritto articoli per testate quali Il Giornale dell’Umbria, La Nazione, Il Corriere di Romagna, Il Sannio, Il Crotonese, Il Corriere di Forlì, La Nuova Ferrara. Iscritto all’Associazione Italiana Reporter e Fotografi dal 2009. Coideatore e curatore del sito gualdocalcio.it (1998-2012) e gualdocasacastalda.it (dal 2013 al 2016). Addetto stampa del Gualdo Calcio in serie C e altre categorie (dal 2004 al 2012) e del Gualdo Casacastalda in serie D (dal 2013 al 2016). Segretario dell’Ente Giochi de le Porte di Gualdo Tadino dal 2014 al 2017. Componente della redazione dei periodici Il Nuovo Serrasanta e Made in Gualdo. Autore del libro "Libera, ma Libera Veramente" (edizioni Eta Beta, 2021).