Offerta formativa, Presciutti difende l’indirizzo chiesto dal Casimiri: “Nessun doppione con Gubbio”

Pubblicità

Ricomincia nel comprensorio eugubino-gualdese la “guerra degli indirizzi scolastici”. Oggetto della contesa, stavolta, l’attivazione del Professionale Servizi per la Sanità e l’Assistenza Sociale richiesta dall’Istituto Casimiri di Gualdo Tadino, approvata dalla Provincia ma contestata dal “Cassata-Gattapone” di Gubbio. La scuola eugubina sostiene che l’indirizzo chiesto dall’istituto gualdese sarebbe un doppione del suo “Chimica, materiali e Biotecnologie Sanitarie”.

Sulla vicenda è intervenuto il sindaco di Gualdo Tadino, Massimiliano Presciutti che ha affermato di “non comprendere innanzitutto i toni esasperati ed in secondo luogo le motivazioni di un’uscita infelice e fuori dal tempo, tesa esclusivamente ad alimentare inutili e dannose divisioni e ad indebolire tutto il territorio.”

“A dire la verità – sottolinea Presciutti – se volessimo parlare di  “doppioni” sul nostro territorio, da tempo ve ne è uno e soltanto uno e riguarda l’attivazione del Liceo Scientifico presso il Polo Liceale “Mazzatinti” di Gubbio, avvenuta dopo tantissimi anni di presenza del medesimo indirizzo presso l’I.I.S. “Casimiri” di Gualdo Tadino.”

Il sindaco gualdese evidenzia che “i numeri certificano che a fronte di ben 15 indirizzi attivi tra il Polo Liceale “Mazzatinti” e l’Istituto “Cassata-Gattapone” di Gubbio, che rappresentano tutt’oggi un record su scala regionale, superando di gran lunga anche i due capoluoghi di Regione, l’offerta formativa del “Casimiri” non ha visto che solo ed esclusivamente la sostituzione e non l’aggiunta di un indirizzo tecnico-grafico rispetto all’Istituto Tecnico per Geometri, indirizzo per altro non presente nel nostro ambito ed attivato anch’esso all’unanimità.”

Per Presciutti l’Indirizzo Professionale “Servizi per la Sanità e l’Assistenza Sociale” non è sovrapponibile all’indirizzo “Chimica, materiali e Biotecnologie Sanitarie” presente presso l’Istituto Cassata-Gattapone di Gubbio. “Chi afferma questo mente sapendo di mentire”, dice il primo cittadino gualdese.

“Per questo – prosegue – anche il sottoscritto confida in una espressione positiva dopo quella del Consiglio Provinciale, anche dell’Ufficio Scolastico Regionale e del Consiglio Regionale, in quanto l’attivazione del nuovo Indirizzo Professionale “Servizi per la Sanità e l’Assistenza Sociale” andrebbe da un lato a sostituire l’Indirizzo Professionale per il Commercio, ormai in esaurimento, lasciando inalterato il numero di indirizzi presenti al Casimiri ( 5 e non 15 come a Gubbio) e dall’altro consentirebbe a tanti ragazzi di tutto il territorio di avviare un percorso formativo di studi professionali  moderno ed al passo con le nuove esigenze, messe in risalto anche dalla pandemia, ed in grado di indirizzare verso nuove professionalità e competenze di cui avremo sempre più bisogno anche in futuro.”

“Sposo quindi appieno la linea del collega Stirati, stante il fatto che la richiesta avanzata dall’Istituto “Casimiri” e sostenuta con forza dall’Amministrazione Comunale di Gualdo Tadino e dall’intero Consiglio Comunale, è frutto di un ragionamento complessivo e non rappresenta in alcun modo una sovrapposizione rispetto al quadro attuale”, conclude il sindaco gualdese.