Rifiuti illeciti sepolti in una cava di Gualdo Tadino? Indaga l’antimafia di Ancona

Un funzionario della Regione Umbria è indagato con l’accusa di corruzione, dato che avrebbe preso soldi per evitare che si controllassero delle cave sottoposte a sequestri o sospensioni. Il fatto è ancora più grave, perchè c’è di mezzo anche un traffico illecito di rifiuti speciali, che sarebbero andati a finire proprio in quelle cave. Una delle quali è proprio a Gualdo Tadino, dove fra l’altro veniva anche prelevato abusivamente del materiale inerte da utilizzare nei cantieri.

L’inchiesta è condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Ancona insieme ai Carabinieri Forestali del capoluogo marchigiano e coinvolge, oltre al funzionario della Regione, altri 20 indagati che avrebbero messo in atto il traffico illecito di rifiuti. Senza spese di conferimento è evidente il guadagno delle persone e delle imprese indagate. Quest’ultime della zona di Gubbio e Città di Castello.

I rifiuti, fatti passare per terreno vegetale idoneo alla rinaturalizzazione, venivano sepolti presso cave sequestrate e l’assenza di controlli facilitava il tutto. Assenza di controlli resa possibile con il concorso del funzionario della Regione Umbria, un altro della Regione Marche e di un dirigente del comune di Fabriano.
Il traffico è stato quantizzato in oltre 600mila tonnellate di rifiuti pericolosi, molti dei quali potrebbero essere stati occultati proprio nella zona di Gualdo Tadino.

Articolo precedenteOggi pomeriggio si accendono le luminarie nel centro di Gualdo Tadino
Articolo successivoCovid: guariti più del doppio dei nuovi casi, ma tornano a salire i ricoveri
Avatar photo
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.