E’ morto Antonio Merloni, fu il più grande contoterzista d’Europa

Domani Fabriano darà l’addio ad Antonio Merloni, fondatore dell’omonima azienda poi divenuta Ardo. La scomparsa è avvenuta nella notte tra sabato e domenica nella sua abitazione. Il 19 dicembre avrebbe compiuto 94 anni.

La storia di Antonio Merloni, come quella della sua famiglia e del padre Aristide, si fonde con quella di Fabriano e, successivamente, anche con quella della Fascia Appenninica. Dalla fine degli anni Ottanta e per tutti i Novanta, è stato il più grande contoterzista del settore del “bianco” di tutta Europa. Il suo gruppo è arrivato a contare cinquemila dipendenti.

La “Antonio Merloni” nel 1982 arriva nella Fascia Appenninica per aprire il grande stabilimento di Colle di Nocera Umbra che inizierà a produrre nel 1984. Per il territorio, che comunque già poteva contare su un’economia “vivace”, è un’ulteriore spinta, che lo porta quasi alla piena occupazione. Infatti la Merloni arriva a impiegare, intorno alle metà degli anni Novanta, fino a 1.700 persone con una produzione giornaliera intorno ai 6.500 pezzi. A questi va aggiunto l’amplissimo indotto che, secondo una stima di Repubblica, è arrivato a interessare circa settemila persone. Dieci gli stabilimenti del gruppo, dei quali tre all’estero, con filiali negli Usa e in Australia.

Nel 2005 iniziano le difficoltà dell’azienda con le prime casse integrazioni, preludio allo scoppio della crisi irreversibile che porta all’amministrazione straordinaria nel 2008 e alla vendita spezzettata del gruppo. Una situazione di crisi che si trascina ancora oggi con il fallimento della Indelfab, interessando 560 dipendenti tra Umbria e Marche, e i cui sbocchi sono difficili da individuare.

Antonio Merloni, fratello degli imprenditori Vittorio e Francesco, è stato sindaco di Fabriano dal 1980 al 1995. I funerali avranno luogo domani alle ore 11 nella chiesa della Misericordia a Fabriano.

Articolo precedenteLa Protezione Civile distribuisce dispositivi di protezione. Ecco come ottenerli
Articolo successivo“Scatole di Natale” per chi è in difficoltà, l’iniziativa dell’Acli Ora et Labora
Marco Gubbini
Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti dell'Umbria. Ex direttore artistico di Radio Tadino (1985-1986), ideatore e curatore di programmi televisivi giornalistici delle emittenti Rete7 (1985-1990) e TV23 (2003-2006). Esperienze varie come corrispondente di varie pubblicazioni, fra cui Calcio Perugia (2005), La Voce di Perugia (2006-2007). E' stato collaboratore dell’agenzia di stampa Infopress (2004-2012), ha scritto articoli per testate quali Il Giornale dell’Umbria, La Nazione, Il Corriere di Romagna, Il Sannio, Il Crotonese, Il Corriere di Forlì, La Nuova Ferrara. Iscritto all’Associazione Italiana Reporter e Fotografi dal 2009. Coideatore e curatore del sito gualdocalcio.it (1998-2012) e gualdocasacastalda.it (dal 2013 al 2016). Addetto stampa del Gualdo Calcio in serie C e altre categorie (dal 2004 al 2012) e del Gualdo Casacastalda in serie D (dal 2013 al 2016). Segretario dell’Ente Giochi de le Porte di Gualdo Tadino dal 2014 al 2017. Componente della redazione dei periodici Il Nuovo Serrasanta e Made in Gualdo. Autore del libro "Libera, ma Libera Veramente" (edizioni Eta Beta, 2021).