Cocaina e soldi, i carabinieri arrestano due trentenni a Gubbio

Pubblicità

Nella mattinata di ieri i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Gubbio hanno arrestato in flagranza di reato due ragazzi trentenni di origine albanese, domiciliati a Perugia.

Nel corso di un servizio mirato al controllo della circolazione stradale, in particolare alla verifica del rispetto della normativa Covid sugli spostamenti tra regioni limitrofe, i militari hanno fermato un’auto sulla SS452 della Contessa che procedeva in direzione Fano. A bordo due giovani di origine albanese, apparsi subito in difficoltà all’atto del controllo. 

Nonostante il conducente  cercasse di sviare i carabinieri con scuse, adducendo di essere partito da Perugia per raggiungere parenti nelle Marche, questi hanno hanno approfondito il controllo perquisendoli e trovandoli in possesso di 1.200 euro in contanti che i due giovani portavano nelle tasche dei pantaloni. Quello che ha insospettito di più gli uomini dell’Arma è stato che, nonostante avessero dichiarato di essere disoccupati, avessero la disponibilità di quell’ingente somma, portandoli così a perquisire anche il veicolo.

E infatti, occultato nella tasca di un giubbotto sul sedile posteriore, è stato trovato un involucro in cellophane contenente un “sasso” di cocaina del peso di 100 grammi. I due così sono stati tratti in arresto in flagranza di reato. La sostanza rinvenuta, equivalente a 480 dosi e risultata pura al 70%, avrebbe fruttato sul mercato oltre 10.000 euro. Il reato contestato agli arrestati è spaccio di sostanze stupefacenti. Oggi si è tenuta l’udienza di fronte al Giudice del Tribunale di Perugia, che ha convalidato l’arresto.