Tesei: “Variante brasiliana nuovo mostro”. Chiesti 50mila dosi in più di vaccino e i monoclonali

La presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, ha informato il consiglio regionale di aver chiesto 50mila vaccini in più contro il Covid rispetto a quelli programmati e dosi di anticorpi monoclonali. La richiesta nasce per poter fronteggiare la diffusione del virus in Umbria e contro le varianti presenti sul territorio.

Il governo è stato sollecitato anche sui ristori da destinare alle zone rosse dell’Umbria. “Ho chiesto anche – ha detto la presidente della Regione – la costituzione di un fondo speciale da dieci milioni di euro per tutte le famiglie che dovranno assistere i bambini sotto i 12 anni a casa e per gli asili costretti a chiudere. Mi sta poi particolarmente a cuore un bonus baby sitter per tutti quei nuclei familiari la cui situazione lavorativa non contempli lo smart working per alcuno dei componenti adulti del nucleo e con l’Isee sotto a una certa soglia”.

La variante brasiliana rischia di diventare il nuovo mostro di questa crisi in tutta Italia. Sono noti nuovi focolai a Bologna, nelle Marche, in Abruzzo, a Messina, in Molise, in Toscana, mentre l’Alto Adige fa un lockdown di tre settimane. La nostra regione è la prima che si è trovata ad affrontare questa nuova variante. Non ho dubbi che, tutti insieme, supereremo questa nuova terribile sfida.”

“Ho chiesto alla Sanità azioni immediate – ha detto ancora Donatella Tesei – Ricostruire il contact tracing, isolare tutti i cluster di varianti inglese e brasiliana, massiccia richiesta di campionamento di casi sospetti di variante, incrementare i tamponi nella popolazione scolastica, aumentare il livello di sicurezza in ospedale e Rsa, ripristinando le strutture contaminate; riallestire il massimo numero di posti Covid oltre 700 rispetto agli attuali 615, portare a 160 le terapie intensive rispetto alle attuali 130, in attesa dei 40 posti di terapia intensiva che il commissario Arcuri deve realizzare e che dovrebbero arrivare in Umbria entro il 28 febbraio.”

Per quanto riguarda i vaccini, la presidente della Regione ha evidenziato che l’organizzazione umbra prevede 27 team vaccinali, 12 sedi, 13 team itineranti sul territorio, con una capacità vaccinale di 1800 somministrazioni al giorno, superiore alla quantità che attualmente viene fornita.

La situazione in Umbria dell’andamento coronavirus nelle ultime 24 ore vede ancora un aumento di ricoveri negli ospedali: 13 in più rispetto a ieri per un totale di 513, dei quali 79 (2 in più) si trovano in terapia intensiva. 11 morti in un giorno, tra i quali un signore di Nocera Umbra, comune che nelle ultime 48 ore ha fatto registrare 17 nuovi casi.

Complessivamente i decessi salgono a 851. 375 i nuovi casi su 5.047 tamponi molecolari e 4.468 antigenici, con 93 guariti: gli attualmente positivi aumentano di 271 e crescono a 7.173.

Articolo precedentePresciutti invia alla Regione la lettera dei commercianti: “Provvedimenti urgenti in favore delle attività”
Articolo successivoMartiri delle foibe, il ricordo dell’amministrazione comunale di Gualdo Tadino
Avatar photo
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.