Polizia Locale di Gualdo Tadino, ecco il bilancio del 2020

Pubblicità

Per la Polizia Locale di Gualdo Tadino il 2020 è stato un anno particolarmente intenso, caratterizzato anche dal cambiamento della figura al suo comando. Dello scorso settembre infatti l’avvicendamento tra il vecchio comandante, il maggiore Angelo Cardinali, e il nuovo Gianluca Bertoldi, che ha assunto il comando proveniente da un’analoga esperienza presso i comandi di Fossato di Vico, Sigillo e Costacciaro. Il 2020 è stato anche l’anno dell’ingresso di nuovi cinque agenti, in sostituzione di quelli andati in pensione.

Sempre nel 2020 c’è stata la conclusione di un percorso che ha portato alla nascita del servizio associato di Polizia locale Appennino Umbro, che comprende anche i comuni di Fossato di Vico, Sigillo e Costacciaro, con Gualdo Tadino a fare da capofila e sede principale del comando, che ora può contare, oltre al comandante Bertoldi, su 10 agenti a Gualdo Tadino, 2 agenti a Fossato di Vico, 1 a Sigillo, 1 agente e 1 ausiliario del traffico a Costacciaro. In questo modo il personale potrà rispondere alle sempre crescenti esigenze di controllo del territorio, che nel 2020 ha portato a risultati sicuramente interessanti con oltre millecento sanzioni emesse.

I NUMERI – Sono stati 813 gli accertamenti di divieto di sosta e 129 quelli che hanno riguardato eccesso di velocità. Automobilisti più disciplinati per quanto riguarda l’uso della cintura di sicurezza, con 13 sanzioni emesse, mentre sono leggermente superiori (16) quelle relative all’uso dei telefoni cellulari durante la guida. 56 le vetture trovate senza assicurazione o con revisione scaduta. 67 gli incidenti stradali rilevati dagli agenti della Polizia locale, di cui 23 con feriti. 7 le automobili per le quali è scattato il sequestro amministrativo, mentre per una è stato necessario il fermo amministrativo. 7 anche le patenti ritirate nel corso del 2020.

Per quanto concerne le violazioni a ordinanze e regolamenti comunali, diverse dalla normativa relativa al contenimento del Coronavirus, queste sono state 21. In particolare sono state 8 le sanzioni applicate nell’ambito del rispetto dell’ordinanze antiprostituzione e 13 per quanto riguarda i rifiuti abbandonati. 42 invece le sanzioni emesse per il mancato rispetto di ordinanze e norme dei vari DPCM in materia di contenimento del Covid-19.