Scuola di Gaifana, un libro per prendere “il vizio di leggere”

Pubblicità

Nei giorni scorsi ha fatto visita alla scuola primaria di Gaifana l’insegnante Sabina Antonelli, autrice del libro “Il bambino che non voleva essere un lupo”.

Il titolo è stato preso da un testo che Vittorio Arrigoni ha scritto a scuola da bambino. Ma chi era Vittorio? Vittorio era un ragazzo, che diventato grande, ha girato tutto il mondo per aiutare i bambini privati dei loro diritti, i più deboli e l’intera umanità in difficoltà, combattendo discriminazioni, violenze e povertà, cercando di promuovere un mondo senza barriere e confini, dove tutti fanno parte di un’unica e grande famiglia.

Egli credeva al valore dei sogni e invitava tutti, in particolare i bambini a realizzarli; ha speso la sua vita per questo. Infatti proprio per i suoi ideali, mentre era in missione è stato rapito e poi ucciso.

Quest’anno la scuola di Gaifana ha scelto di aderire al progetto “Il vizio di leggere, come prenderlo a scuola” scegliendo proprio questo testo per il laboratorio “lettura”.

Questa iniziativa, inoltre, ha permesso di proseguire la tradizione di solidarietà, che già da molti anni contraddistingue la scuola, sostituendo il mercatino di Natale, che non si è potuto tenere a causa della pandemia. Infatti il ricavato della vendita del libro verrà donato alla fondazione “Vik Utopia Onlus”, che è dedicata alla memoria di Vittorio Arrigoni che realizza attività umanitarie in tutto il mondo.

Articolo precedenteBando Servizio Civile a Gualdo Tadino, pubblicata la graduatoria definitiva
Articolo successivoCase di riposo, i consiglieri regionali si impegnano a dare una risposta urgente
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.