Campionato Italiano Paraclimbing, argento per il sigillano Omar Al-khatib

Pubblicità

Sabato 22 maggio il centro tecnico federale e di preparazione olimpica di Arco (Trento) ha ospitato il Campionato italiano Paraclimbing. Cinque le categorie in gara: ciechi; amputati arto superiore; amputati arti inferiori o sedia a rotelle; amputati arto inferiore; deficit fisico neurologico. A misurarsi al Climbing Stadium, su pareti alte fino a 18 metri, sono stati ventotto atleti provenienti da tutta Italia. Gara secca a livello nazionale per l’anno in corso: in palio il titolo di campione d’Italia.

Per l’Asd Tacche e Svasi di Perugia e per l’Umbria, ha preso parte alla competizione Omar Al-khatib, atleta della nazionale Paraclimbing dal 2017.

L’impegno profuso in quest’ultimo difficile anno di allenamenti, resi possibili grazie alla disponibilità della Tacche e Svasi e del presidente Carlo Baccarelli, è stato premiato con un ottimo argento. Omar ha concluso la gara al secondo posto, dietro all’amico Michele Maggioni, guida alpina di ventennale esperienza e punto di riferimento per le nuove leve.

Omar ha altresì dichiarato che intende impegnarsi con ancor più determinazione per raggiungere quanto prima il gradino più alto del podio. “Scopo primario della competizione odierna e del movimento paraclimbing – ha dichiarato Omar al termine della gara – è quello di promuovere lo sport come strumento di emancipazione e di riscatto per ragazze e ragazzi con disabilità, per questo motivo è importante promuovere e far conoscere queste realtà ad un pubblico sempre più vasto”.

Originario di Sigillo, Omar è nato con un’amputazione transfemorale alla gamba sinistra, ciononostante non si è mai lasciato scoraggiare e anzi ha sempre cercato di trasformare l’handicap in punto di forza ed esempio di determinazione.

La competizione è stata seguita con attenzione dal direttore sportivo Marco Ronchi: Omar ha ricevuto la convocazione ufficiale dalla Federazione e indosserà la divisa della Nazionale nelle prossime competizioni internazionali, che lo vedranno impegnato in Austria e in Francia a partire dal mese di giugno.

Questo una intervista a Omar di Antonello Brughini del 2019 per il Tgr Umbria