Indelfab, confermati i licenziamenti. Caparvi: “Chiesto il rifinanziamento dell’accordo di programma”

Pubblicità

Il 14 giugno stato confermato il licenziamento di tutto il personale della Indelfab, ex JP Industries, in seguito della firma sul verbale di mancato accordo fra azienda e sindacati.

I 537 lavoratori (275 a Fabriano dello stabilimento di Santa Maria e 262 dello stabilimento di Colle di Nocera Umbra) stanno al momento usufruendo della cassa integrazione per cessazione, che scadrà il 15 novembre prossimo.

Se non interverranno fattori nuovi, dopo quella data scatteranno i licenziamenti per tutto il personale.

Per scongiurare questo ulteriore gravissimo problema per un territorio, quello dalla Fascia Appenninica, falcidiato sotto il profilo economico negli ultimi 12 anni, viene ora richiesta dalle organizzazioni sindacali una convocazione da parte del ministero del lavoro per individuare strumenti a tutela dei livelli occupazionali.

Sulla vicenda è intervenuto il deputato nocerino della Lega, Virginio Caparvi, che ha ribadito “la necessità di passare ad un progetto di reindustrializzazione che preveda la ripresa occupazionale su Nocera Umbra e sulla fascia appenninica, duramente colpita dalla crisi della ex Merloni e poi dal fallimento della Indelfab. In attesa delle possibilità derivanti dalle proposte umbre del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), ho sollecitato sia l’assessore regionale Michele Fioroni sia il Ministro Giancarlo Giorgetti per il rifinanziamento dell’accordo di programma, auspicabilmente concentrando le risorse sui comuni realmente colpiti da questa grave crisi”.

Articolo precedenteNocera Umbra: liti continue per abuso di alcol, sospesa la licenza ad un bar
Articolo successivoInaugurata alla Rocca Flea la mostra “Gualdo Tadino e Dante nella maiolica a lustro”
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.