Dopo 11 mesi Umbria senza nuovi contagi. Anticipate le seconde dosi di vaccino.

Pubblicità

A distanza di undici mesi nessun nuovo caso di coronavirus è stato registrato in Umbria nell’ultimo giorno a fronte di 484 tamponi molecolari e 186 test antigenici analizzati. Per il quinto giorno consecutivo non si sono verificati decessi con Covid.

14 i guariti, con gli attualmente positivi che scendono a 777, mentre resta immutato il quadro negli ospedali con 21 ricoverati, 3 dei quali si trovano in terapia intensiva.

ANTICIPATE LE SECONDE DOSI DI VACCINO – “L’andamento del piano vaccinale in Umbria sta rispettando pienamente i tempi della programmazione con una copertura dell’80 per cento della popolazione over 60 e l’avvio della somministrazione della prima dose agli over 30″. Lo fa sapere la Regione Umbria.

Alla luce delle indicazioni ministeriali finalizzate a contenere la diffusione della variante Delta e delle comunicazioni del generale Figliuolo sull’approvvigionamento dei vaccini per il mese di luglio che vede una riduzione di dosi di Pfizer rispetto a giugno, il Comitato tecnico scientifico convocato oggi, ha accolto le proposte del commissario regionale per l’emergenza Covid, Massimo D’Angelo, che vedono una rimodulazione della somministrazione delle seconde dosi.

Visto che le forniture copriranno solo le seconde dosi, non potendo più dare appuntamenti per le prime somministrazioni fino a nuove comunicazioni sulle forniture, è stato deciso di utilizzare tutto il vaccino Pfizer e Moderna che sarà inviato settimana per settimana, per coprire le seconde dosi già programmate anticipando dove possibile, a 21 e 28 giorni, la somministrazione rispettivamente di Pfizer e Moderna per completare l’immunizzazione della popolazione in base alle priorità. Inoltre, avendo ricevuto già tutti i vaccini AstraZeneca previsti per la fornitura di luglio, è stato deciso di anticipare alla nona settimana la seconda dose programmata inizialmente all’undicesima.

“Spiace – ha detto l’assessore alla Salute della Regione Umbria, Luca Colettoche la diminuzione delle forniture del mese di luglio rallenteranno il nostro piano vaccinale che, a partire dalla seconda metà del mese, prevedeva di somministrare la prima dose ai più giovani, ovvero ai ragazzi dai 29 anni in giù che in questo periodo sono più soggetti a sposamenti che non sono solo legati ad attività di svago e vacanza, ma anche di studio e formazione professionale. Ad ogni modo – ha concluso l’assessore – la programmazione della campagna vaccinale scelta dall’Umbria è stata quella di raccogliere le preadesioni e assegnare di volta in volta gli appuntamenti, quando si aveva certezza sugli arrivi dei vaccini. Questo metodo si è rivelato vincente, visto che ora non ci siamo trovati nella difficoltà di dover disdire gli appuntamenti come invece stanno facendo altre Regioni. L’auspicio è che somministrando in questo mese il maggior numero possibile di seconde dosi, potersi dedicare quasi esclusivamente alla copertura dei giovani nel mese di agosto e accelerare per raggiungere l’immunità di gregge”.

Articolo precedenteI Cavalieri della Repubblica donano due bandiere alla sezione gualdese dell’ANC
Articolo successivoApplausi e diplomi per i bimbi dell’infanzia dell’Omnicomprensivo di Nocera
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.