I gruppi di maggioranza contro la Comunanza: “Comportamento provocatorio e antidemocratico”

Pubblicità

Partito Democratico, Gualdo Futura e Forza Gualdo, ossia i gruppi di maggioranza presenti nel consiglio comunale di Gualdo Tadino giudicano “provocatorio, irrispettoso ed antidemocratico” il comportamento “della Comunanza Agraria Appennino Gualdese e dei tuttologi affezionati, che non perdono mai occasione di attaccare istituzioni, persone, associazioni ed enti che non la pensano come loro e vengono quotidianamente tacciati di ignoranza e pressappochismo.”

“Oltre all’amministrazione comunale e a tanti gualdesi che si dissociano da metodi e contenuti di questo ente medievale – scrivono le tre forze politiche in un comunicato congiunto – ora anche la magistratura viene messa in discussione, uscite pubbliche gravissime che vanno oltre i confini del rispetto istituzionale e della corretta informazione e comunicazione.”

Per Pd, Gualdo Futura e Forza Gualdo, dopo che il Consiglio di Stato ha giudicato legittima la proroga della concessione regionale alla società Rocchetta sono “inutili gli ennesimi tentativi di mistificazione e strumentalizzazione, come l’ultima uscita pubblica della Comunanza inerente la sentenza sulle sanatorie, un’interpretazione totalmente fuorviante e scorretta che punta a mettere in discussione per l’ennesima volta il Comune e l’azienda Rocchetta. L’ispezione dei pozzi la riteniamo un gesto gravissimo per le sue finalità denigranti nei confronti della terzietà e della competenza della magistratura italiana.”

I gruppi di maggioranza quindi ribadiscono l’intenzione di promuovere un referendum proprio sulla Comunanzaper lasciare esprimere la cittadinanza nella sua massima espressione democratica, senza vincoli restrittivi su utenti monte, normative arcaiche e altri dettami statutari fortemente esclusivi e penalizzanti per i cittadini; siamo fiduciosi e soddisfatti per gli investimenti economici che arriveranno nel territorio e per gli interventi di risanamento ambientale e di valorizzazione della città.”