Ospedale di Branca, il sindaco di Gubbio Stirati promuove un’assemblea pubblica

ospedale branca laboratorio analisi
Pubblicità

La situazione dell’ospedale di Branca sarà oggetto di una assemblea pubblica promossa dal sindaco di Gubbio, Filippo Mario Stirati.

“Siamo al lavoro per costruire una assemblea pubblica per un confronto largo e aperto che interpreti tutte le istanze di cittadini, associazioni e forze sindacali in tema di sanità”. Così il sindaco di Gubbio Filippo Mario Stirati annuncia che nel giro di pochi giorni verrà definita la data per l’assemblea che coinvolgerà autorità sanitarie territoriali e regionali – dall’assessore regionale alla Sanità al direttore della Asl 1 – i sindaci del comprensorio legati all’ospedale di Branca, rappresentanze di medici, infermieri e O.S.S., associazioni, sindacati e cittadini.

“Vogliamo fare il punto – spiega Stirati – sul rilancio dell’attività ospedaliera di Branca e su tutti quei servizi che, a causa della pandemia, hanno subito rallentamenti e disagi che si stanno ripercuotendo sui soggetti deboli e fragili”.

Molti i temi che saranno messi al centro dell’assemblea. Oltre alle difficoltà legate al protrarsi dell’epidemia da Covid-19, si parlerà delle questioni legate al personale, la mancanza di nuove strumentazioni per il nosocomio comprensoriale, l’adeguamento dei servizi fino al tema della cronicità, sul quale Stirati ha commentato: “Non possiamo immaginare che ci siano persone adulte o anziani costretti a recarsi in ospedali di sedi lontane.” Anche il consultorio sarà al centro del confronto, per tutte le preoccupazioni emerse in relazione alle previsioni programmatorie in materia.

“Questa assemblea sarà l’occasione di un confronto aperto, partecipato e, siamo certi, foriero di idee e soluzioni concrete”, ha concluso il primo cittadino eugubino.

Articolo precedenteRiaperto il Museo del Somaro a Gualdo Tadino con nuovi spazi e più opere
Articolo successivoEccellenze gastronomiche gualdesi a Bra per Cheese 2021
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.