Il Liceo delle Scienze Umane di Nocera sempre più vicino al Giappone

Pubblicità

Il Liceo delle Scienze Umane di Nocera Umbra già da alcuni anni è sempre più vicino ai ragazzi del Sol Levante.

Nei giorni scorsi gli allievi del IV Liceo hanno avuto un collegamento online con i ragazzi del Liceo di Maniwa, prefettura di Okayama, in Giappone. Obiettivo comune costruire una rete di contatti-scambi culturali per il gemellaggio che sta diventando sempre più reale e prossimo.

Già dallo scorso anno la classe si è distinta nel seguire con impegno e costanza il corso di lingua e cultura giapponese tenuto dal professor Takeshi Tojo dell’Università degli Stranieri di Perugia, per la durata di 40 ore e con il tutoraggio della professoressa di lingua inglese Laura Bargagna, ottenendo ottimi risultati agli esami finali.

I ragazzi hanno intrapreso un interessante e coinvolgente percorso di avvicinamento e conoscenza della cultura nipponica. Durante il recente incontro tre ragazzi del Liceo delle Scienze Umane, Francesco Signorelli, Denise Ghigiarelli e Naxhije Tosku, hanno presentato ai coetanei giapponesi la loro scuola in lingua inglese e, attraverso un video realizzato da essi stessi, hanno mostrato i segni del ricco passato che contraddistinguono la cittadina di Nocera Umbra.

Così, gli studenti giapponesi, nella loro lingua madre, hanno fatto conoscere il loro istituto e illustrato le caratteristiche della loro città.

“Lo scambio culturale tra questi ragazzi – afferma la professoressa Bargagna – non potrà che creare una rete di relazioni umane e culturali che di certo potenzierà, non solo le loro competenze, ma arricchirà la condivisione e l’integrazione, valori questi indispensabili per un’azione comune che lavori per la pace, la solidarietà e l’incontro tra popoli.”

Articolo precedenteVenerdì a Umbria Libri presentazione di “La scelta di Destino” nuovo romanzo di Brunello Castellani
Articolo successivoUmbra Acque, ritardi nella consegna di alcune bollette
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.