Vaccini, 40mila somministrazioni a Gualdo Tadino. Il Comune: “Un esempio in Umbria e in Italia”

38mila dosi di vaccino somministrate in poco più di sei mesi a Gualdo Tadino, che arrivano a circa 40mila se si aggiungono quelle effettuate in farmacia e dai medici di base.

Lo comunica il Comune di Gualdo Tadino che rileva come la città sia un esempio non solo in Umbria ma in tutta Italia per il numero di dosi di vaccino somministrate e la percentuale di cittadini vaccinati.”

A Gualdo Tadino per cinque mesi hanno operato contemporaneamente due hub vaccinali, quello aperto ad inizio aprile presso il Centro della Terza Età, dove sono state somministrate 24mila dosi circa, e quello inaugurato a maggio presso lo stabilimento di Rocchetta Spa (dove sono state inoculate circa 14.500 dosi), messo a disposizione dall’azienda che si è fatta carico anche delle relative spese per un importo di circa 185mila euro, che ha concluso la propria attività lo scorso 30 settembre.

Considerato che a Gualdo Tadino si è vaccinata qualcosa in più dell’80% della popolazione avente diritto, il resto delle dosi sono state somministrate ad altri cittadini della regione.

“Dati assolutamente notevoli da raggiungere, considerando il numero totale della popolazione gualdese residente, che sono stati possibili toccare grazie alla sinergia messa in campo da Amministrazione Comunale, Usl Umbria 1, Regione Umbria e Rocchetta Spa, farmacie e medici di base che ha permesso a Gualdo Tadino di disporre di due centri vaccinali accreditati (unico caso in tutta l’Umbria) e diventare esempio su scala regionale e nazionale nella campagna di vaccinazione Covid-19″, evidenzia in una nota il Comune di Gualdo Tadino.

“Tutti quanti abbiamo vissuto mesi molto duri e delicati con l’arrivo della pandemia – ha detto il sindaco di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti e vedere oggi gli ottimi risultati che sta portando e sta dando la campagna vaccinale è un segnale forte di speranza per tornare presto alla normalità pre Covid. Ringrazio per quanto fatto tutti insieme (istituzioni e privati, ndr), ma anche e soprattutto coloro che hanno operato in prima linea per organizzare, gestire e somministrare le vaccinazioni ai cittadini. Mi riferisco al personale medico, agli operatori sanitari ed ai tanti volontari senza i quali sarebbe stato impossibile rendere efficace la campagna vaccinale e raggiungere questi numeri in termini di dosi somministrate. Sono dunque estremamente soddisfatto dei risultati ottenuti in questa campagna vaccinale, che ricordo prosegue ancora per i soggetti in attesa della terza dose e per coloro che ancora non sono vaccinati. La speranza è quella di tornare a vivere insieme, in ogni luogo e senza la paura del contagio. Dunque – ha concluso Presciutti – vacciniamoci tutti per il bene comune”.

Proseguono senza obbligo di prenotazione le vaccinazioni presso il Centro della Terza Età in piazzale Federico II di Svevia, aperte a chi deve ricevere la terza dose e ai non ancora vaccinati.

GIOCHI DE LE PORTE, TUTTO OK – Le misure messe in campo in occasione dei Giochi de le Porte per evitare la diffusione del virus si sono rivelate efficaci, così come i comportamenti dei gualdesi. A distanza di due settimane dalla conclusione della manifestazione sono 5 gli attualmente positivi presenti nel territorio comunale di Gualdo Tadino. Il 24 settembre, giorno di inizio dei Giochi, erano 15. In sedici giorni c’è stata quindi una notevole diminuzione.

Articolo precedentePsicologia Umbria Festival, appuntamento a Gualdo Tadino su Covid e dinamiche familiari
Articolo successivo“Settembre a Gualdo è mejo” anche per la ricerca. Donati 970 euro all’associazione “Correre a Perdifiato”
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.