L’Umbria nella cronaca italiana. A Gualdo Tadino la presentazione del libro di Alvaro Fiorucci

100 delitti. L’Umbria in mezzo secolo di cronaca italiana” è il libro del giornalista Alvaro Fiorucci che sarà presentato giovedì 21 ottobre alle ore 17 presso il teatro Talia di Gualdo Tadino.
L’opera, edita da Morlacchi Edizioni, narra del fil rouge di eventi di cronaca che hanno legato l’Umbria a vicende di carettere nazionale. Alvaro Fiorucci, abbandonando lo stile prettamente giornalistico – la notizia deve essere nelle prime righe – per una scrittura da giallista in grado di agganciare il lettore con il “non dire” iniziale, ci racconta storie concluse in sé, ma che aprono a diverse letture e interpretazioni degli avvenimenti stessi.
Insieme all’autore, parleranno del libro il sindaco di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti, il magistrato Manuela Comodi, il segretario della camera penale Marco Brusco ed il giornalista Mario Mariano.
I fatti più eclatanti di cronaca nera che hanno riempito pagine di giornali e talk show degli ultimi anni come il mostro di Foligno, il caso Narducci, l’omicidio di Meredith Kercher; le vicende politiche che hanno visto protagonisti esponenti dell’estrema destra e sinistra come le stragi di Stato, gli attentati delle Brigate Rosse; i casi di mafia femminicidi rapimenti, diventano mezzo di riflessioni storiche, politiche, sociologiche, giornalistiche.

Per accedere all’evento sarà necessario presentare il Green Pass nel rispetto di tutte le normative di sicurezza legate al Covid-19.

L’AUTORE – Alvaro Fiorucci, giornalista, ha esercitato la professione di cronista nei quotidiani «Paese Sera» e «La Repubblica». In Rai ha ricoperto l’incarico di caporedattore del TGR dell’Umbria. Ha scritto nel 2005 con Edimond Le donne trafficate; successivamente per Morlacchi Editore sono usciti i seguenti titoli: Il cacciatore di bambini. Biografia non autorizzata del mostro di Foligno (2008); Fuorionda. Genesi, cronologia e analisi della questione radiotelevisiva italiana (2008); Un bambino da fare a pezzi. Rapimento e liberazione di Augusto De Megni (2009); 48 small. Il dottore di Perugia e il mostro di Firenze (2012); Il sangue delle donne (2014); con Luca Fiorucci Reperto 36. Anatomia giudiziaria dell’omicidio di Meredith Kercher (2015); Shaken. La bambina che attraversò il muro del pianto (2017); con Raffaele Guadagno Il divo e il giornalista. Giulio Andreotti e l’omicidio di Carmine Pecorelli: frammenti di un processo dimenticato (2018).

Articolo precedenteMuseo Rocca Flea, tra arte antica e contemporanea. Due le mostre in arrivo nel weekend
Articolo successivoCamminava da solo con l’hashish in tasca. Trentenne perugino fermato a Branca
Ex direttore artistico di Radio Tadino (1985-1986), ideatore e curatore di programmi televisivi giornalistici delle emittenti Rete7 (1985-1990) e TV23 (2003-2006). Esperienze varie come corrispondente di varie pubblicazioni, fra cui Calcio Perugia (2005), La Voce di Perugia (2006-2007). E' stato collaboratore dell’agenzia di stampa Infopress (2004-2012), ha scritto articoli per testate quali Il Giornale dell’Umbria, La Nazione, Il Corriere di Romagna, Il Sannio, Il Crotonese, Il Corriere di Forlì, La Nuova Ferrara. Iscritto all’Associazione Italiana Reporter e Fotografi dal 2009. Coideatore e curatore del sito gualdocalcio.it (1998-2012) e gualdocasacastalda.it (dal 2013 al 2016). Addetto stampa del Gualdo Calcio in serie C e altre categorie (dal 2004 al 2012) e del Gualdo Casacastalda in serie D (dal 2013 al 2016). Segretario dell’Ente Giochi de le Porte di Gualdo Tadino dal 2014 al 2017. Componente della redazione dei periodici Il Nuovo Serrasanta e Made in Gualdo. Autore del libro "Libera, ma Libera Veramente" (edizioni Eta Beta, 2021).