Forza Italia e area Rocchetta: “Ognuno metta sul tavolo il proprio contributo!”

“La messa in sicurezza del costone roccioso e il ripristino dell’area Rocchetta sono due cose distinte, ma necessariamente correlate, visto che se non venisse ripristinata la sicurezza da eventuali cadute massi, quell’area, anche se recuperata, non potrà essere fruibile al pubblico”. È quanto sostenuto da Forza Italia nel consiglio comunale dello scorso 28 ottobre, mettendo in evidenza l’arrivo della prima trance di 750 mila euro deliberata dalla Giunta Regionale a guida Tesei per la messa in sicurezza del costone”.

“Un consiglio che ha visto le forze politiche presenti in Consiglio comunale assumere diverse posizioni – recita il comunicato stampa firmato da Fabio Viventi, Silvia Minelli e Gianni Frillici – L’Ordine del giorno presentato dalla maggioranza aveva come oggetto la progettualità dell’intera area alla luce delle recenti sentenze del Consiglio di Stato. Il gruppo Consiliare di Forza Italia ha partecipato attivamente alla discussione, andando a ribadire con nettezza la propria posizione e presentando due emendamenti aggiuntivi al documento principale, che sono stati inseriti con la disponibilità dei consiglieri di maggioranza”.

“Dopo anni di chiacchiere mai concretizzate – dicono i coordinatori di Forza Italia Gualdo Tadino – finalmente la Giunta Regionale delibera una prima somma per la messa in sicurezza del costone: dalle parole si passa ai fatti! Un atto assolutamente importante, che sancisce l’inizio di un nuovo percorso che si concluderà con la riqualificazione dell’area disastrata a causa dell’alluvione del 2013. La nostra decisione di votare l’ordine del giorno presentato dalla maggioranza è molto chiara: crediamo che un argomento importante come questo, che divide la città da troppo tempo, ha bisogno di unitarietà di intenti se si vuole trovare una soluzione, indipendentemente dall’appartenenza partitica di ognuno. Crediamo che oggi ci sia finalmente uno scenario che non possiamo lasciarci sfuggire come comunità: da una parte vi sono le risorse, dall’altra la possibilità di condividere un progetto che incida a tutto tondo sull’intera area. Il progetto che l’azienda ha presentato alla Regione è il punto di partenza per coinvolgere tutti gli attori in gioco”.

“Attenzione però – si legge nel comunicato stampa – Le risorse allocate dalla Regione Umbria, visto che hanno provenienza comunitaria, sono vincolate sia in termini progettuali ma anche in termini temporali. Tutti i lavori andranno affidati perentoriamente entro il 27/06/2022. Non vi sono più alibi da parte di nessuno. Non c’è più tempo da perdere. Ognuno metta sul tavolo il proprio contributo dimostrando una volontà unanime di risolvere i problemi o avremo perso una occasione colossale, non solo in termini concreti ma anche come distensione di un clima generale che non porta beneficio a nessuno. La politica sta cercando di fare la propria parte, mettendo a disposizione le risorse finanziarie che attendevamo da tempo”.

Articolo precedente“Un regalo per Dodo”, l’iniziativa torna venerdì 3 dicembre
Articolo successivoGualdo Tadino, da sabato 4 dicembre via agli eventi natalizi con “Christmas Time 2021”
Avatar photo
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.