Valsorda, aperta la stagione invernale per sci escursionismo, sci alpinismo e ciaspole

Dal 30 novembre, con l’arrivo della prima neve, si considera aperta la stagione invernale 2021/22 per l’attività di sci escursionistico, sci alpinismo e ciaspole a Valsorda di Gualdo Tadino. Lo comunica lo Ski Club Valsorda “R. Matarazzi”

Il sodalizio gualdese, presente sul territorio dal 1980, ricorda inoltre, che in base a una specifica ordinanza della Provincia di Perugia, è stata riconosciuta l’interruzione temporanea al traffico sulla strada provinciale di Valsorda dal Km. 6+500 al Km 8+015 solo in caso di effettivo innevamento della sede stradale, tesa al mantenimento e allo sviluppo delle piste di sci da fondo e dei percorsi turistici del comprensorio sciistico della Valsorda. I due cartelli stradali di divieto di transito, in caso di innevamento, sono ben visibili in prossimità dell’ex albergo Narciso.

Lo Ski Club informa che la strada Chiavellara è occupata da un continuo e compatto innevamento. Oltre il Passo Cattìo e fino a Pian delle Vescole la quantità della neve è consistente e in alcuni tratti, accumulata a causa del vento, da rendere impossibile un collegamento stradale con Belvedere – Marche, e la sua percorribilità  con qualsiasi veicolo. “Questa situazione stradale, che si verifica ad ogni nevicata, in ogni anno e la sua non apertura da parte della Regione Umbria e Marche, è stato uno dei motivi che ha spinto la Provincia di Perugia a prendere il provvedimento suddetto. Non ultimo perché la Valsorda rappresenta la terza Stazione di sci di fondo della Provincia di Perugia, e sostenuta dalle Amministrazioni comunali che negli anni, si sono succedute”, sottolinea lo Ski Club Valsorda

Tale decisione consente una sicura attività escursionistica e sportiva sulla pista (che è battuta dallo Ski Club), molto conosciuta e frequentata da turisti provenienti da località regionali ed extra regionali. “Il “salvataggio” della strada della Chiavellara dal traffico veicolare e la sua destinazione all’escursionismo invernale è un sicuro richiamo per chi voglia godere l’ambiente invernale ed esplorare il territorio con vista sui monti Sibillini e raggiungere le mete classiche del monte Penna e Serrasanta”.

Il non rispetto del divieto di transito sulla strada Chiavellara da alcuni fuoristrada, verificatosi il 30 novembre scorso, lamentato da escursionisti e sciatori presenti in valle, ha fatto sì che il sodalizio inviasse una missiva al sindaco del Comune di Gualdo Tadino e agli organi di vigilanza per chiedere il rispetto del divieto di transito delle tre piste autorizzate che verranno realizzate a Valsorda, per non vanificare il lavoro del volontariato, per la sicurezza sulle piste e per il rispetto di quanti da anni frequentano la stazione sciistica.

Le tre piste che battute e tracciate per sci da fondo con motoslitta battipista, autorizzate dall’Agenzia Forestale Regionale Umbria, sono la pista strada Chiavellara, strada vicinale Caciera e strada Serrasanta.

Articolo precedenteRischio gelate per i contatori, i consigli di Umbra Acque per proteggerli
Articolo successivoProgetto di risanamento dell’area Rocchetta, la Comunanza non parteciperà all’incontro in Regione
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.