Covid, più della metà dei ricoverati è entrato in ospedale per altre patologie

“Il 31 marzo è ufficialmente cessato lo stato di emergenza legato al Covid, ma la Regione Umbria continuerà a gestire questa fase di transizione verso la normalità con la massima attenzione”.

Lo ha  detto l’assessore regionale alla Salute, Luca Coletto, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte il commissario Massimo D’Angelo, il direttore regionale alla Salute, Massimo Braganti, la professoressa Daniela Francisci, il dottor Marco Cristofori del Nucleo epidemiologico regionale.

“In questo momento – ha detto Coletto – la maggior parte dei pazienti ricoverati arriva in ospedale per altre patologie e ha pochissimi sintomi legati al Covid. Questo dimostra che la vaccinazione rimane lo strumento più importante contro il virus, ovviamente insieme alle cure”.

Anche la professoressa Francisci e il commissario D’Angelo hanno ribadito che tra il 50 e 60 per cento dei ricoverati nei reparti Covid arriva in ospedale per altre patologie e si scoprono positivi al virus nella fase del triage. Ad oggi sono 281 le persone ricoverate, delle quali 3 si trovano in terapia intensiva.

Relativamente alle cure la professoressa ha riferito di aver effettuato al momento oltre 530 trattamenti con antivirali. Ad oggi sono 281 le persone ricoverate, delle quali 3 si trovano in terapia intensiva.

Il dottor Marco Cristofori ha evidenziato che 17mila umbri si sono reinfettati con il Covid. “Sono circa il 40% quelli che avevano già avuto la Delta e la stessa percentuale anche quelli che hanno avuto la Omicron 1″ ha detto.

Per Cristofori si sta assistendo, anche se lentamente, a una discesa della curva epidemica.

L’assessore ha quindi ricordato che è estremamente importante per il futuro insistere sulla medicina territoriale: “A tal fine – ha aggiunto – ho espressamente chiesto al ministro Speranza di far rientrare le Usca nella normale dotazione organica del servizio sanitario. Le Unità di sorveglianza infatti, in Umbria, con una alta percentuale di popolazione anziana, il servizio assume una grande utilità per evitare anche spostamenti ai cittadini e accessi inappropriati ai pronto soccorso”. 

“Intanto – ha aggiunto – la Regione ha prorogato le Usca fino al 30 giugno, così come il Cts e il Nucleo epidemiologico. Contestualmente, sempre fino al 31 giugno, proseguirà l’impegno il commissario Massimo D’Angelo che ha già gestito la situazione nella fase di emergenza”.

Articolo precedenteQuasi due tonnellate e mezzo di alimenti raccolti per i profughi ucraini. Replica nel fine settimana.
Articolo successivoPolizia Locale di Gualdo Tadino, chiarimenti sul piano parcheggi
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.