Covid, parametri in diminuzione in Umbria

La curva epidemica, come pure la media mobile a 7 giorni in Umbria, mostra un trend in diminuzione rispetto alle settimane precedenti. L’incidenza settimanale mobile per 100.000 abitanti al 3 maggio è pari a 784.

L’RDt sulle diagnosi calcolato per gli ultimi 14 giorni con media mobile a 7 giorni è in diminuzione, attestandosi ad un valore di 0,91.

L’andamento regionale dell’incidenza settimanale mobile per classi di età mostra un trend in diminuzione in tutte le classi d’età, l’incidenza più elevata è riscontrata nella classe d’età 6-10 anni, quella più bassa è registrata nella classe d’età 19-24 anni.

Tutti i distretti sanitari hanno l’incidenza inferiore a 1.000 casi per 100.000 abitanti, la più elevata è riscontrata nel Distretto Alto Tevere ed è pari a 960 casi per 100.000 abitanti.

Rispetto alla settimana precedente si osserva una stabilità nell’impegno ospedaliero regionale (al 3 maggio 225 ricoveri di cui 7 in terapia intensiva), mentre nella settimana dal 25 aprile al primo maggio si registrano 3 decessi.

A comunicare i dati elaborati dal Nucleo epidemiologico regionale, è l’assessore alla Salute della Regione Umbria.

L’assessore evidenziando come al momento la situazione in Umbria sia decisamente sotto controllo, rinnova l’invito ai cittadini alla prudenza.

Non dobbiamo dimenticare – afferma Coletto – che il virus continua a circolare e non è stato debellato. La bella stagione sicuramente permetterà un miglioramento della situazione anche perché la socialità avverrà prevalentemente all’aperto. Ad ogni modo, per una migliore protezione di noi stessi e degli altri, anche se ormai la mascherina non è obbligatoria, continua a rappresentare un valido dispositivo di protezione nei luoghi al chiuso o sovraffollati.” 

Articolo precedenteRiparte la visita pastorale del Vescovo Sorrentino a Gualdo Tadino
Articolo successivoSquarta rieletto presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria
Avatar photo
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.