La Cicli Taddei monopolizza la Granfondo del Monte Cucco

La Cicli Taddei ha onorato come meglio non si poteva la 13esima edizione della Granfondo del Monte Cucco.

La gara di Costacciaro, valida per il Tour 3 Regioni e per l’Umbria Marathon, ha visto il team toscano presentarsi con i suoi migliori effettivi e fare il pieno di successi, addirittura monopolizzando il podio.

Sui 45 km per 1.800 metri di dislivello, parzialmente modificati rispetto al passato e rivelatisi ancora più affascinanti soprattutto con il passaggio a Villa Scirca, il trio della Cicli Taddei, formato da Francesco Casagrande, Francesco Failli e Riccardo Chiarini, ha fatto il vuoto sulla salita al Monte Cucco, non trovando resistenza negli avversari.

Nel finale Chiarini, vittima di una foratura, ha lasciato via libera ai compagni chiudendo a 11” dai due Francesco, con Failli che ha prevalso su Casagrande tagliando il traguardo entrambi braccia al cielo. Quarto a 2’17” il colombiano Juan Daniel Alarcon Ambrosio del Bottecchia Factory Team a 2’17”, mentre a 2’55” ha concluso il campione uscente, Leopoldo Rocchetti (Bike Therapy).

A completare la grande giornata della Cicli Taddei ci ha pensato Silvia Scipioni, che allunga la sua straordinaria striscia vincente di quest’anno aggiudicandosi la gara in 2h41’49” con 10’24” su Sara Mazzorana e 13’10” sulla vincitrice 2021 Daniela Stefanelli, entrambe della Cicli Cingolani.

Nel percorso medio di 28 km per 1.027 metri prima piazza per Leonardo Caracciolo (Triono Racing) che in 1h17’31” ha prevalso per 3’24” su Gianmario Nobili (Cicloturistica Massa Martana) e per 4’12” su Stefano Panti (Team Siena Bike). Anche qui stessa società vincente fra le donne, con Maila Castiglione che in 1h57’43” ha staccato di 9’11” l’unica altra donna al traguardo, Cristiana Pallucca (Briganti d’Abruzzo).

Ancora una volta la Granfondo del Monte Cucco si è confermata uno degli eventi sportivi più amati e frequentati del centro Italia.

Merito non solo dell’organizzazione della Cucco in Bike, ma anche del sostegno arrivato dagli enti locali come la Regione Umbria e il Comune di Costacciaro e dalle tante associazioni presenti, come anche agli hotel della zona che hanno proposto prezzi convenzionati a chi arrivava da fuori. Un successo che è di squadra e che dà futuro alla Granfondo del Monte Cucco.

Articolo precedenteLa natura in mostra a Gualdo Tadino con il Gruppo Fotografico Gualdese
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.