Gualdo Tadino, strade al buio: Fratelli d’Italia chiede chiarezza

Il circolo Fratelli d’Italia di Gualdo Tadino annuncia che il proprio consigliere comunale, Roberto Cambiotti, depositerà un’interrogazione per chiedere approfondimenti e chiarimenti riguardo il “presunto” piano di risparmio energetico messo in atto attraverso lo spegnimento della pubblica illuminazione. “Lo definiamo presunto – spiegano dal partito – perché non abbiamo notizia della sua esistenza e non sappiamo se questi spegnimenti a macchia di leopardo in orari non troppo definiti, siano frutto di una pianificazione ben precisa, organizzata e studiata oppure esito di improvvisazione e sperimentazione“.

Fratelli d’Italia si dice d’accordo sulla necessità di risparmio, che è diventata in questo periodo perentoria, ma ritiene “necessario e urgente coinvolgere i cittadini e renderli informati circa questa iniziativa“.

Non si riesce nemmeno a capire se si tratta di riduzioni orarie o territoriali, e quale sia stata la metodologia adottata per intervenire – dice Robarto Cambiotti – Crediamo sia una grave mancanza di rispetto il mancato coinvolgimento dei cittadini, i quali si vedono privati di un servizio essenziale e quindi di primaria importanza, senza nessun preavviso o comunicazioni in tal senso. Auspichiamo che, almeno su questo argomento, ci sia condivisione e maggiore apertura da parte dell’amministrazione comunale rispetto a quanto accaduto finora, poiché questi sono aspetti pratici che investono la quotidianità dei cittadini e non si può procedere in ordine sparso secondo lo stato d’animo del momento”.

Gli aspetti legati alla sicurezza stradale, ma anche il monitoraggio dei fenomeni di microcriminalità dovrebbero indurre a misure prudenti e accorte e non a iniziative disinvolte che potrebbero mettere a rischio l’incolumità pubblica”, concludono gli esponenti del Partito di Giorgia Meloni.

Articolo precedenteRassegna di Teatro Amatoriale, al Talia va in scena “Anna Karenina”
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.