Truffe e furti: a Bagnara i consigli per evitarli del comandante della Stazione Carabinieri Tenti

Difendersi dalle truffe e dai furti in abitazione è stato il tema dell’incontro pubblico che si è svolto con l’Arma dei Carabinieri al Circolo di Bagnara di Nocera Umbra.

A dialogare con la popolazione il comandante della locale Stazione, il maresciallo maggiore Davide Tenti, introdotto dal presidente della Comunanza di Bagnara che, dopo aver ringraziato i militari per la costante opera sul territorio, ha voluto porre l’accento sulla preziosa opportunità per i cittadini di essere informati sul delicato tema delle truffe, in particolare quelle alle fasce deboli, proprio da chi contrasta costantemente il fenomeno e può quindi fornire importanti indicazioni sul come difendersi.

Particolarmente esposte a questi sgradevoli raggiri sono infatti le fasce deboli della popolazione. Il maresciallo Tenti ha spiegato come un fenomeno ormai diffuso a livello nazionale sia quello delle truffe a mezzo telefono, che vedono persone spacciarsi per presunti esponenti delle forze dell’ordine o falsi avvocati.

Costoro, in genere, chiedono soldi per familiari rimasti coinvolti in incidenti stradali o con improvvisi problemi economici, per cui è necessario intervenire con la massima urgenza (evidenziando ad esempio al malcapitato la possibilità del pignoramento della casa o l’arresto del familiare, così da impressionarlo). Poi prospettano la soluzione invitando l’interlocutore a preparare del denaro o, in alternativa gioielli, da consegnare a un loro incaricato che poco dopo si presenta a casa.

Altre volte il truffatore al telefono, qualificandosi come operatore di banca, richiede il numero del conto corrente e i vari codici di accesso.

Il comandante ha ribadito che i Carabinieri non chiedono mai soldi e di diffidare da questa tipologia di chiamate segnalando il fatto al 112 o alla locale Stazione.

Altro utile consiglio fornito dal maresciallo Tenti è stato quello di verificare chi si ha di fronte prima di aprire il portone di casa, specialmente se si è soli.

Spesso, infatti, il truffatore si presenta spacciandosi come tecnico comunale, impiegato di qualche ente pubblico o gestore telefonico. Una volta all’interno dell’abitazione per lui è facilissimo, distraendo il proprietario, compiere il furto di denaro o gioielli, oppure con un raggiro farseli consegnare (ad esempio ingenerano ansia nella persona, prospettandogli eventi quali allagamenti o perdite di gas).

Il consiglio è quello di fare delle verifiche prima di far accedere persone in casa e di interfacciarsi con i carabinieri.

L’incontro, che è stato molto partecipato e ha visto i cittadini interloquire con numerose domande, si è concluso con le indicazioni da parte del maresciallo Tenti sulle precauzioni da usare nel caso di acquisti fatti sul web.      

Articolo precedenteL’ITI di Nocera Umbra in visita all’azienda Bazzica Group
Articolo successivoLa Mostra Mercato del Tartufo di Valtopina dedica i suoi 40 anni al riconoscimento Unesco
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.