Gestione delle emergenze, a Gualdo Tadino  il Progetto Europeo “Strategy1”

Un programma che mira a standardizzare le misure di emergenza in occasione di episodi di criticità.

Questo lo scopo di “Strategy – Interoperability for crisis management”, progetto di ambito europeo che vede la presenza di 23 partner provenienti da 16 diversi Stati membri della UE, della Prefettura di Perugia, delle autorità di Protezione civile della Regione Umbria e dei Comuni di Gualdo Tadino e Valfabbrica.

Questa mattina il tutto è stato presentato presso la sala consiliare del Comune di Gualdo Tadino alla presenza del sindaco Massimiliano Presciutti, del Comandante dei Vigili del Fuoco della Provincia di Perugia, Antonio Albanese, e del coordinatore del Progetto Strategy, Giannis Chasiotis della Satways Ltd.

Prende il via oggi nella nostra città – ha detto Presciutti – questo importante progetto europeo. Ringrazio i Vigili del Fuoco per aver scelto di portare nei prossimi giorni oltre 100 persone provenienti da differenti paesi europei, che soggiorneranno nella nostra città fino al prossimo 31 marzo”.

È in questa settimana infatti che si svolgerà a Gualdo Tadino e Valfabbrica l’esercitazione finale dell’azione comunitaria di innovazione Strategy1, in sinergia con l’azione comunitaria di ricerca e innovazione Nightngale2, nel corso della quale sarà dimostrato il funzionamento di dodici nuovi standard europei elaborati dal progetto al fine di facilitare la gestione delle emergenze, nelle fasi di pianificazione, preparazione e risposta.

In particolare, giovedì 30 marzo è prevista un’esercitazione presso lo stadio comunale di Valfabbrica, nel cui ambito verrà messo alla prova lo standard dedicato alla risposta a maxi-emergenze con alto numero di vittime e coinvolti, simulando il collasso parziale di una diga, unitamente allo standard per la pubblicazione di allerte pubbliche sui social media. Focus del test è l‘identificazione delle vittime.

“Nell’esercitazione, oltre ai Vigili del Fuoco, saranno coinvolti Polizia Scientifica, Croce Rossa, Protezione Civile e Comuni – ha spiegato il comandante provinciale dei VVFF, AlbaneseIl progetto è iniziato nel 2020 con attività svolte in altri Paesi e avrà la sua conclusione in Italia. Obiettivo è standardizzare il più possibile le procedure per facilitare il compito di tutte le componenti in caso di emergenza.”

Nel pomeriggio è in programma un’esercitazione a posti di comando all’interno dei locali messi a disposizione dal Comune di Gualdo Tadino, nel cui ambito verrà testato lo standard mirato a facilitare lo scambio di piani di emergenza, e lo standard che propone la simbologia SITAC per il coordinamento della risposta agli incendi boschivi, oltre che una dimostrazione sul campo, mirato ad assicurare la continuità della catena delle prove registrate con supporto digitale in contesti NBCR.

Ringrazio la disponibilità del Comune di Gualdo Tadino – ha dichiarato il coordinatore del Progetto Strategy, Giannis Chasiotis della Satways Ltd – per ospitare questo importante progetto europeo, che mira ad aiutare tutti i soccorritori nel rispondere alle emergenze attraverso la standardizzazione delle misure di intervento. In tutto siamo 16 Paesi coinvolti, ognuno con le sue competenze e differenti criticità da fronteggiare, ma tutti insieme vogliamo contribuire a creare delle azioni standard da utilizzare in futuro. Speriamo di dare il nostro contributo nel fronteggiare al meglio le situazioni di emergenza”.

Complessivamente saranno coinvolte nell’esercitazione 260 persone.

Articolo precedenteGualdo Tadino, centro storico chiuso alle automobili fino a giovedì 30
Articolo successivoBranca, trovato in possesso di cocaina. Arrestato dai carabinieri
Avatar photo
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.