Gli studenti delle medie di Nocera e Valtopina si sono tuffati “Nella gioia dell’arte”

“Nella gioia dell’arte” è il titolo del Progetto di Plesso presentato per la disciplina di Arte e Immagine nel corso di quest’anno scolastico dalla professoressa Cinzia Cerfolli nelle Scuole Secondarie di Primo Grado di Valtopina e di Nocera Umbra, realizzato attraverso una Estemporanea Pittorica svolta in due momenti: il 25 maggio a Valtopina e il 1 giugno a Nocera, ognuna nel territorio di appartenenza.

Le manifestazioni si sono svolte negli spazi comunali della Piazzetta del Teatrino di Valtopina e sotto i Portici di San Filippo di Nocera Umbra, grazie alla disponibilità dei sindaci Gabriele Coccia e Virginio Caparvi, degli assessori alla Cultura Bianca Rosa Gallina ed Elisa Cacciamani e del Corpo dei Vigili Urbani con i Comandanti Fabio de Santis e Luigi Monarca, nonchè del responsabile del Quartiere San Martino Fabio Pallotta con la messa a disposizione dei tavoli e delle panche.

Questo progetto ha sottolineato le varie ricorrenze scandite nell’anno 2023 nel mondo dell’Arte, attraverso riflessioni e approfondimenti diretti realizzati dai ragazzi di tutte le classi della scuola media.

Si ricordano infatti i 540 anni dalla nascita di Raffaello Sanzio (1483), genio e leggenda del Rinascimento italiano, i 140 anni dalla morte di Edouard Manet (1883), considerato il maggior interprete della pittura pre-impressionista, i 170 anni dalla nascita di Vincent Van Gogh (1853) pittore tanto geniale quanto incompreso nella sua vita breve e tormentata ed i 120 dalla morte del suo amico Paul Gauguin (1903), entrambi maggiori interpreti del post-impressionismo e, per terminare, i 50 anni dalla morte di Pablo Picasso (1973) artista innovatore e fondatore, insieme a Georges Braque, del Cubismo.

Grazie a tutte queste ricorrenze, diversi sono stati gli obiettivi didattici prefissati dall’insegnante della disciplina artistica: approfondire e potenziare l’apprendimento stimolando i ragazzi per una conoscenza nel mondo della Storia dell’Arte sempre meno distante, proporre loro uno studio più attivo e divertente, vivere appieno la vita da artista, favorire l’inclusività, la socializzazione e lo scambio di idee attraverso la partecipazione e favorire la conoscenza delle bellezze del proprio territorio di appartenenza valorizzando i beni artistici presenti.

Gli alunni hanno risposto con una partecipazione attiva, realizzando i loro elaborati pittorici e grafici di questi grandi artisti, con impegno, volontà e soprattutto con grande divertimento.

Articolo precedenteRuzzola: Mauro Sabatini, capitano del team Rigali/Nocera, è campione d’Italia
Articolo successivoIl “Casimiri” ha portato in scena Shakespeare
Avatar photo
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.