Il Centro Salute della Fascia Appenninica presidio strategico contro la violenza di genere

Anche il Centro Salute della Fascia Appenninica si unisce all’impegno globale per sensibilizzare contro la violenza sulle donne, in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza di genere del 25 novembre.

Il personale, composto da infermiere, infermieri e operatori ha voluto incontrare questa mattina, presso la sede di Sigillo, i sindaci dei Comuni di Costacciaro, Andrea Capponi, Fossato di Vico, Monia Ferracchiato, Sigillo, Giampiero Fugnanesi e Scheggia e Pascelupo Fabio Vergari, per ribadire ancora una volta il ruolo fondamentale che rivestono i presidi territoriali come il Centro salute, in generale per quanto concerne la salvaguardia e la promozione del benessere fisico e mentale dei cittadini ed in modo particolare anche per il sostegno che riescono ad offrire alle donne vittime di violenza, non solo fisica, ma anche psicologica.

Il Centro Salute rappresenta uno dei primi luoghi in cui si può fornire assistenza e aiuto alle donne in difficoltà e, attraverso il coordinamento con altre realtà quali i Distretti Sanitari, i Servizi Sociali, i Centri Antiviolenza, le istituzioni pubbliche come i Comuni, la Provincia e la Regione, costituisce uno dei tasselli fondamentali di una più ampia rete e con il proprio operato contribuisce alle azioni di sensibilizzazione, promozione, prevenzione e ad offrire aiuto ed assistenza.

I sindaci presenti hanno tenuto a sottolineare il ruolo strategico del Centro Salute poiché esso garantisce un contatto diretto tra la popolazione e gli operatori e le operatrici sanitarie, favorendo una relazione di fiducia e consentendo una comprensione più approfondita delle esigenze dei cittadini.

Articolo precedenteEduscopio 2023, il “Casimiri” si conferma il primo liceo scientifico del comprensorio
Articolo successivoAbbattuti gli alberi di via XXIV Maggio, gli ambientalisti annunciano battaglia legale
Avatar photo
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.