Celebrati a Gualdo Tadino i venti anni del Museo dell’Emigrazione “Pietro Conti”

Un’edizione speciale del festival Memorie Migranti di Gualdo Tadino, giunto al XVIII appuntamento, ha celebrato mercoledì 29 novembre i venti anni dall’inaugurazione del Museo Regionale dell’Emigrazione “Pietro Conti”. Centro Studi sull’Emigrazione Italiana.

Oggi il Museo, diretto sin dal 2003 da Catia Monacelli, è un fondamentale punto di riferimento negli studi e nella ricerca sul tema, con il suo centro studi permanente e la collana editoriale “I quaderni del Museo dell’Emigrazione”, luogo simbolo per l’intera regione, laboratorio didattico per le scuole di ogni ordine e grado.

Per molti anni, il Concorso prima e la recente trasformazione in Festival poi, ha avuto il prezioso supporto del grande giornalista e divulgatore Piero Angela. Da questa speciale edizione è stato intitolato alla sua memoria, nel ricordo delle sue parole: “L’emigrazione italiana, fenomeno storico quasi completamente assente nei manuali scolastici, attraverso Memorie Migranti Festival torna ad essere indagata, diventando momento di riflessione e di confronto con le migrazioni che riguardano l’Italia ed il mondo oggi”.

La giornata del Festival è stata divisa in due parti. Al mattino al teatro Talia, dove il narratore fiorentino Michele Neri ha raccontato “Odisseo l’altri ieri, ieri, oggi” dove con gli studenti delle scuole medie ha parlato della figura del viaggiatore errante per il mondo, migrante suo malgrado, che si trova a sbarcare in una terra sconosciuta.

Nel pomeriggio, presso la Mediateca del Museo dell’Emigrazione, dopo i saluti della direttrice del Museo, Catia Monacelli, del sindaco di Gualdo Tadino, Massimiliano Presciutti, e del vicepresidente della Regione Umbria, Roberto Morroni, sono stati presentati i volumi “Immagini dell’Umbria durante la Grande Emigrazione (1876-1914)di Christian Severini Alberto Sorbini, con intervento di Dino Renato Nardelli dell’Isuc – Istituto per la Storia dell’Umbria Contemporanea, e “Tony and Paddy went to Hollywood Italiani e irlandesi nella filmografia statunitense” di Matteo Sanfilippo con intervento di Michele Storelli, docente di Lettere ed esperto di cinema.

Contestualmente, presso la Mediateca, è stata inaugurata una mostra fotografica della Collezione Christian Severini che presenta una selezione di immagini tratte dal volume. 

Al termine il taglio della torta per celebrare i venti anni del Museo dell’Emigrazione.

Il servizio di TRG
Articolo precedenteSabato 2 dicembre Daniele Gelsi inaugura il suo nuovo atelier
Articolo successivoCittà di Castello e Branca: gli ospedali a misura di donna della Usl Umbria 1
Avatar photo
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.