Gualdo Tadino, il presidio di “Articolo 21” Alto Chiascio ha ricordato Giulio Regeni 

Il presidio di Articolo 21 Alto Chiascio ha ricordato a Gualdo Tadino Giulio Regeni, il ricercatore italiano ucciso in Egitto il 3 febbraio 2016. L’iniziativa, che si è svolta il 23 gennaio, ha visto la partecipazione dell’assessore del Comune di Gualdo Tadino Jada Commodi, del portavoce Oriano Anastasi e di una delegazione del presidio di Articolo 21.

I partecipanti alla manifestazione hanno espresso la loro vicinanza alla famiglia Regeni e a tutto il popolo “giallo” chiedendo verità e giustizia per Giulio.

“Sono passati otto anni dalla scomparsa di Giulio Regeni, ma il suo ricordo è ancora vivo nei nostri cuori” – ha dichiarato l’assessore Jada CommodiGiulio era un giovane brillante e pieno di talento. Aveva una grande passione per la ricerca e per la giustizia sociale. La sua morte è una perdita per l’Italia e per il mondo intero.”

“Oggi siamo qui per testimoniare la nostra vicinanza alla famiglia Regeni e a tutto il popolo “giallo” – ha aggiunto il portavoce Oriano Anastasi Continueremo a lottare per la verità e la giustizia per Giulio.”

La manifestazione di Gualdo Tadino è stata l’occasione per ribadire la richiesta di verità e giustizia per Giulio Regeni. “La sua morte è un caso di violazione dei diritti umani che non può essere dimenticato”, sottolinea Articolo 21.

Articolo precedentePer non dimenticare: a Valtopina i testimoni dell’Anei hanno incontrato gli studenti
Articolo successivo“Immondizia abbandonata in Via XXIV Maggio”, la segnalazione di un cittadino
Avatar photo
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.