Raponi (Lega): “Strumentali le dichiarazioni di Presciutti sulla sanità”

Pubblicità

Nei giorni scorsi il sindaco di Gualdo Tadino, Massimiliano Presciutti, ha reso noto di aver più volte richiesto un incontro con l’assessore regionale alla sanità Luca Coletto per quanto riguarda il futuro sia dell’ex ospedale Calai che del nosocomio comprensoriale di Branca, ma di non aver ancora ricevuto risposta.

Sul tema interviene Alessia Raponi, consigliere comunale della Lega a Gualdo Tadino, che giudica “del tutto strumentali le dichiarazioni del sindaco di Gualdo Tadino. Non esiste dubbio sul fatto che l’argomento sia di preminente interesse per la città e la Lega locale lo evidenzia ormai da anni proponendo progetti concreti e fattivi – sottolinea Raponi – ma tutta questa fretta da parte del sindaco appare quanto mai sospetta. Presciutti lamenta di non essere stato ancora ricevuto dal nuovo assessore regionale alla sanità, Luca Coletto il quale, lo ricordiamo, si è insediato da pochi mesi e sta già lavorando alle tematiche fondamentali della sanità umbra.”

“Vogliamo ricordare al sindaco di Gualdo Tadino che l’ospedale Calai è chiuso ormai dal 2008, eppure quando c’era il Pd al governo della Regione non lo abbiamo mai visto così combattivo – prosegue la capogruppo leghista in consiglio comunale – Stranamente Presciutti si sveglia solo ora, mentre nulla, se non proclami a vuoto, ha prodotto negli ultimi anni per cercare di sviluppare un percorso serio di recupero del servizio. Le sue parole oggi non sono credibili e lasciano intendere la pochezza di una amministrazione locale che invece di risolvere problemi vuole solo strumentalizzare criticità esistenti. Mi farò personalmente portavoce delle necessità del territorio – conclude Raponi – interessando l’assessore Coletto e proponendo un incontro con il sindaco, poiché in Lega, a differenza di quanto avviene nel Pd, non ragioniamo in base alla convenienza o alle correnti politiche quando si tratta di fare il bene dei cittadini”.