“Vai all’inferno Dante”, all’Omnicomprensivo di Nocera incontro con Luigi Garlando

Il 7 giugno i ragazzi della terza Secondaria Primo Grado, del primo Iti e del Liceo delle Scienze Umane dell’Omnicomprensivo di Nocera Umbra hanno incontrato lo scrittore Luigi Garlando, autore del libro “Vai all’inferno Dante”.

Il famoso giornalista sportivo, che ha scritto numerosi testi riguardanti il tema della legalità primo fra tutti “Per questo mi chiamo Giovanni”, ha regalato alla platea un incontro davvero interessante con la sua ultima opera.

Il testo, letto dai ragazzi lo scorso anno in occasione del 700 anni dalla morte di Dante, è stato ripreso in mano a giugno, proprio grazie all’evento organizzato in presenza.

Gli studenti della terza Secondaria primo grado, del primo Iti e del Liceo, con domande e lavori grafico-pittorici e di scrittura poetica, hanno raccontato all’autore le loro emozioni scaturite dalla lettura di un testo dove Dante Alighieri rivive nell’epoca presente, insegnando a suon di versi endecasillabi il valore dell’onestà, della legalità e del cambiamento che può trasformare anche un bullo come Vasco, protagonista del testo.

L’incontro ha poi offerto ai ragazzi l’occasione per riflettere sull’intervista recente che Garlando ha fatto a Gaspare Mutolo, “l’autista” di Totò Riina e spietato assassino di mafia autore di una ventina di omicidi divenuto poi collaboratore di giustizia, che a 80 anni si è tolto la maschera per gridare a gran voce a tutti che la mafia si deve combattere, così come il muri dell’omertà.

.

“In classe – fa sapere la scuola – abbiamo apprezzato questo libro perché racconta una storia in cui Dante è come uno di noi e parla di argomenti molto avvincenti e realistici per un giovane; inoltre, ci è piaciuto anche perché il Sommo Poeta, con l’esempio, riesce a trasformare un giovane menefreghista e bulletto in un ragazzo altruista e cortese con tutti”.

“Ringrazio lo scrittore Luigj Garlando per aver accettato di venire all’Omnicomprensivo a parlarci del suo libro, in cui Dante, a spasso nel nostro tempo, riesce a comunicare come la vita permette ad ognuno di noi di trovare la giusta strada, caratterizzata dalla legalità, dalla gentilezza, dalla solidarietà e dall’altruismo”, commenta il dirigente scolastico Leano Garofoletti. 

Articolo precedenteAlla Flea Padel Arena la prima edizione della “Hero Cup” che unisce sport e solidarietà
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.