Forza Italia: “Per il Calai parlano i fatti”

Il coordinamento comunale di Forza Italia, con un comunicato stampa firmato da Silvia Minelli, Fabio Viventi e Gianni Frillici e all’indomani della notizia dell’impegno confermato dalla Giunta Regionale per lo stanziamento di oltre 9 milioni di euro per il recupero dell’area ex ospedale Calai, commenta come questa sia una mole di risorse “che non si ricorda negli anni, frutto di scelte coraggiose, ma anche di una lungimiranza in termini di opportunità che da anni sfugge alla nostra amministrazione di sinistra“.

“Dopo aver sventato il gioco al ribasso tentato dal Sindaco nel 2015 – si legge nella nota stampa – non solo riguardante l’abbattimento della stecca, ma anche la vendita delle due palazzine, si rimettono in fila le priorità per la nostra Città, attraverso un progetto adeguato in termini economici e che nelle prossime settimane verrà delineato nel dettaglio dei servizi che andrà ad ospitare. Di certo, grazie al nostro lavoro (come gruppo locale in sinergia con il nostro rappresentante gualdese in Regione Roberto Morroni), silenzioso, ma sempre mosso da una convinzione ferma sull’obiettivo, si è giunti a confezionare un documento che mette nero su bianco alcuni elementi incontrovertibili, che nessun dibattito, ordine del giorno, documento, comunicato stampa potrà smentire: l’ex Ospedale di Gualdo Tadino sarà, al tempo stesso, Casa di Comunità ed Ospedale di Comunità, quest’ultimo il più grande dell’Umbria, dal momento che ospiterà 2 moduli da 20 posti letto ciascuno. Oltre ad ospitare tutta una serie di servizi che, a partire dal vecchio protocollo del 2012, sono in corso di rimodulazione e che verranno presentati nelle prossime settimane”.

Forza Italia fa notare come le fonti di finanziamento esulano dal PNRR, anche se, dice, “la sinistra gualdese farà di tutto per farla passare in maniera contraria. Questo significa che i fondi sono già stanziati, che verranno gestiti in maniera più rapida dalla Regione dell’Umbria e che non dovranno sottostare a procedimenti che coinvolgano anche i ministeri di competenza per il via libera alla spesa”.

“In un momento in cui tutta la sinistra, anche quella del comprensorio – dicono Minelli, Viventi e Frillici – vuole animare la discussione popolare convocando consigli comunali, occasioni di incontro, documenti programmatici, tentando di mettere il cappello su progetti ed iniziative, crediamo che questa sia la migliore risposta sul campo che si possa dare. Perché, per chi vuole avere la memoria corta, un provvedimento come quello della Regione Umbria, che nella stessa delibera sancisce impegni sul fronte sanitario per decine e decine di milioni di euro, viene dopo la disastrosa gestione del capitolo sanità da parte dei mandati della Marini e dopo 2 anni di piena emergenza pandemica”.

“Al contrario di come è abituata la controparte di sinistra, invece, la politica autorevole non si presta allo sventolìo dei comunicati stampa, né ai pugni battuti sul tavolo, né a prese di posizione ideologiche. Questo è il ringraziamento che ci sentiamo di porgere alla Presidente Tesei, all’Assessore Coletto e al nostro VicePresidente Roberto Morroni, che hanno tenuto la barra dritta rispetto alle esigenze che abbiamo sempre loro prospettato, con il semplice obiettivo di arrivare alla soluzione migliore e con gli strumenti adeguati. Ora il prossimo passaggio sarà il cronoprogramma degli interventi, sul quale abbiamo anche qui avanzato le nostre proposte e sul quale siamo sicuri che la struttura tecnica e politica regionale si adopererà per dare finalmente certezza alla cittadinanza non solo gualdese, ma dell’intero comprensorio. Lasciamo agli altri il compito di parlare senza incidere sulle scelte”.

Articolo precedenteLa rivoluzione dei parcheggi, il centro di Gualdo Tadino ha un nuovo piano per la sosta dei veicoli
Articolo successivoGiornata dei Giusti, i ragazzi del “Casimiri” incontrano Edith Bruck
Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.